Come Richiedere un Prestito Online

31
views

Su internet esistono tantissimi siti che ti permettono di ottenere dei prestiti personali. Le finalità possono essere prestiti per la casa, che comprende ristrutturazione e arredamento, prestiti personali per l’acquisto di un automobile sia nuova che usata o prestiti di liquidità che sono quelli richiesti per arrivare a fine mese. Purtroppo navigando su internet bisogna fare attenzione a non cadere in delle finte agenzie finanziari che potrebbero richiedervi anticipi in contanti e poi scomparire del tutto. In questa guida vi indicheremo quali sono i siti sicuri, quali sono i documenti da presentare e cosa valuta la finanziare per poter concedere un prestito. In pratica scopriremo Come Richiedere un Prestito Online nel modo più facile e sicuro possibile.

I requisiti fondamentali per poter richiedere un prestito personale sono quelli di:

  • Avere un età compresa tra i 18 e i 75 anni
  • Capacità di solvenza, cioè rapporto tra debito e rata da pagare che siano sostenibili
  • Reddito dimostrabile
  • Residenza nel territorio italiano
  • Non risultare nel registro dei cattivi pagatori
  • Essere Titolare di un conto corrente bancario.

 

Come Richiedere un Prestito Online

 

Documentazione Fiscale

Per poter richiedere un prestito personale è necessarie essere in possesso di alcuni documenti fiscali. La documentazione può cambiare a seconda del tipo di prestito o dell’istituto finanziario, ma per la norma antiriciclaggio saranno comunque sempre richiesti:

  • Cittadinanza italiana – Essere in possesso della Carta di Identità o in alternative della Patente di Guida o del Codice Fiscale.
  • Cittadini UE: Essere in possesso della Carta d’indentità, certificato di residenza contestuale, attestazione di regolarità di soggiorno o attestazione di iscrizione anagrafica.
  • Cittadini extracomunitari:  Essere in possesso del documento di soggiorno.

 

Documentazione Economica

Dopo aver visto la documentazione fiscale, si passa alla documentazione economica. Questa documentazione cambia a seconda la tipologia è le condizioni dei lavoratori. Le tipologie si suddividono in:

  • Lavoratori Autonomi – Chi lavora in proprio dovrà presentare l’ultima dichiarazione dei redditi (730 oppure Modello Unico) e il modulo F24 attestante i pagamenti.
  • Lavoratore Dipendente – Quindi tutti i lavoratori subordinati dovranno presentare l’ultima busta paga ed in molti casi anche il CUD (molte agenzie finanziare non lo richiedono).
  • Pensionati – Chi invece è pensionato dovrà presentare l’ultimo cedolino o se si tratta di pensionati Inps, il modello Obis M che certifica la tipologia di pensione percepita.

Ricordiamo che se è in corso un altro finanziamento bisogna presentare la documentazione relativa. In alcuni casi sono richieste anche le ultime bollette pagate di luce, acqua e gas.

 

Cosa valuta la finanziaria per concedere il prestito

Abbiamo già visto quali sono le relative documentazioni per poter richiedere un prestito personale. Dunque abbiamo sicuramente le idee più chiare su Come Richiedere un Prestito Online. Ma sicuramente ti starai chiedendo Cosa valuta la finanziaria per concedere il prestito?

Sostanzialmente i criteri per poter concedere un prestito personale cambia da istituto ad istituto. Tra i fattori di valutazione rientra sicuramente:

  • Età – E’ senza dubbio l’età uno dei fattori importanti per la valutazione del nostro prestito personale da parte della finanziaria. Ricordiamo che bisogna avere almeno 18 anni di età e 75 anni al massimo al momento della scadenza del finanziamento.
  • Tipologia di impiego – Anche questo fattore importantissimo che permette alle agenzie finanziare di valutare se poter concedere un prestito o meno. Per ottenere una risposta positiva dalla finanziaria, si deve dimostrare di percepire un reddito sicuro, stabile e facilmente accertabile.
  • Affidabilità creditizia – E’ senza dubbio il punto importante della valutazione. Dopo aver raccolto tutte le informazioni necessarie, la banca ci da un punteggio di affidabilità detto credit score. Tale punteggio viene dato sulla base delle informazioni come  i dati anagrafici del cliente,  le banche dati pubbliche, o Centrali Rischi, come quelle di Banca d’Italia e della SIA, dove si può vedere il nostro “curriculum creditizia”. 
  • Rapporto rata-reddito – Importante per un valutazione positiva è senza dubbio il rapporto rata-reddito che non deve superare il 30-35%.

 

Attenzione alle Truffe Prestiti

Le truffe online sono sempre in agguato. Esistono infatti diversi modo per poter essere truffati richiedendo un prestito. Tra le pratiche più utilizzate è senza dubbio il pagamento di anticipi in contanti relativi a finte spese istruttorie, tasse etc etc. Purtroppo una volta pagata la somma pattuita, di solito tra le 200 e 300 euro, il truffatore sparisce e sarà impossibile riavere indietro i contanti.

Un altra truffa ricorrente e molto utilizzata consiste nel rubare l’identità. Inviando infatti i nostri documenti tra cui busta paga, codice fiscale, iban, etc etc, il truffatore può richiedere un prestito a nome del mal capitato. Una volta incassata la somma, scappare e lasciare il debito allo sventurato.