Home Energia Quant’è Importante Pulire gli Impianti Fotovoltaici

Quant’è Importante Pulire gli Impianti Fotovoltaici

374

Pulire periodicamente i pannelli fotovoltaici è un’attività essenziale per tanti motivi. Innanzitutto, un pannello fotovoltaico sporco rende molto di meno dal punto di vista dell’efficienza energetica e questo significa che l’impianto riuscirà a produrre meno energia di quanto in realtà potrebbe: esperti del settore hanno stimato che lo smog, eventuali escrementi di volatili e le polveri sottili, che in genere tendono a depositarsi sui pannelli, comportano una riduzione della produzione di energia pari al 20% della capacità totale.

Ecco allora che la pulizia impianti fotovoltaici riveste un’importanza fondamentale, affinché l’impianto funzioni correttamente e i materiali con i quali è fabbricato non si deteriorino prima del tempo.

In questa guida andremo, quindi, a vedere come e quando intervenire, per avere dei pannelli fotovoltaici puliti ed efficienti.

Quant’è Importante Pulire gli Impianti Fotovoltaici

Impianto fotovoltaico

Perché è importante la pulizia degli impianti fotovoltaici

Come detto, pulire adeguatamente i pannelli del proprio impianto fotovoltaico migliora il rendimento energetico e permette quindi di risparmiare denaro. Controllare che i pannelli fotovoltaici non risultino opachi, parzialmente o completamente, e che si trovino sempre ben esposti al sole, è perciò fondamentale, anche perché lo sporco si accumula di continuo e va ad intaccare le prestazioni dell’intero impianto. Inoltre, mantenere i pannelli fotovoltaici sempre ben puliti, li fa durare di più e li protegge dall’usura del tempo.

D’altronde tutti gli impianti fotovoltaici, nell’arco dell’anno, sono soggetti a sporcarsi per un’infinità di cause. Ad esempio, c’è da considerare che quasi sempre i pannelli fotovoltaici sono montati sui tetti, di frequente vicino a comignoli o tubi di scarico, entrambi componenti che emettono nell’aria parecchia fuliggine che va a finire sui vetri dei pannelli. Ma non solo: lo sporco che viene espulso dai tubi di scarico va a formare una sottile patina talmente resistente che neanche un acquazzone riesce a rimuovere, ma che purtroppo compromette l’efficienza energetica dell’impianto fotovoltaico.

Altri elementi che causano lo sporco sui pannelli sono gli agenti atmosferici quali la pioggia, la neve, la polvere di un eventuale cantiere presente in prossimità della casa, oppure la salsedine, se l’abitazione si trova vicino al mare; oppure le foglie e la resina degli alberi, che vanno a depositarsi sui pannelli, specie in autunno.

A cosa serve pulire gli impianti fotovoltaici

Poter dotare la propria abitazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia vuol dire non solo scegliere una delle fonti più amiche dell’ambiente attualmente in circolazione, ma anche di risparmiare parecchi soldi sulla bolletta, che permettono sia di ammortizzare del tutto il costo dei pannelli fotovoltaici, ma anche di spendere meno sul consumo di corrente elettrica.

Affinché tutto questo sia possibile è, però, fondamentale che l’impianto funzioni al meglio e a lungo, e la pulizia periodica in questo caso gioca un ruolo basilare. Pannelli fotovoltaici puliti riescono infatti a catturare una più grande quantità di energia, che verrà poi trasformata dall’impianto in modo da ottenere l’elettricità necessaria alla casa.

Accade, inoltre, che molto spesso non si riesca a vedere ad occhio nudo lo sporco, ma ciò non significa che esso non ci sia, perché potrebbe andare a depositarsi tra le celle dell’impianto e risultare quasi invisibile.

Inoltre, è importante pulire regolarmente gli impianti, dal momento che basta un solo modulo sporco per danneggiare la funzionalità di tutto l’impianto fotovoltaico.

Quando pulire i pannelli fotovoltaici

Per essere sicuri di non alterare la produzione di energia del proprio impianto fotovoltaico è opportuno provvedere alla pulizia dei pannelli fotovoltaici almeno 1 volta ogni 2 anni. Nel caso in cui l’impianto si trovi in una zona caratterizzata da inverni molto piovosi o con abbondanti nevicate, allora è bene procedere alla pulizia dei pannelli 1 volta all’anno.

Il migliore periodo per pulire i pannelli fotovoltaici è verso marzo-aprile, in maniera che l’impianto risulti pienamente funzionante e produttivo nei mesi di maggiore esposizione solare, cioè in estate.

Come pulire i pannelli fotovoltaici

Per pulire i pannelli fotovoltaici ci sono 2 possibilità: nel caso in cui si possa salire senza pericolo sul tetto, è possibile procedere da sé alla pulizia dei pannelli utilizzando semplicemente una spugna o uno spazzolone altrettanto morbido, in modo da non rischiare di graffiare il vetro dei pannelli. Come soluzione basta dell’acqua demineralizzata, senza aggiungere alcun detergente o prodotto abrasivo.

Se invece non è possibile salire sul tetto, o l’impianto fotovoltaico è molto grande, allora è opportuno rivolgersi a dei professionisti del settore, che abbiano esperienza e soprattutto un’adeguata specializzazione nella pulizia dei pannelli fotovoltaici: mediamente il prezzo per questo lavoro è di circa 80 euro per kw e per la pulizia gli esperti, in genere, utilizzano acqua ionizzata.

Weareblog è un blog multicategoria con tantissimi tutorial sul mondo della telefonia, internet e Computer. Una scrittura facile e senza troppi giri di parole, permetterà anche agli utenti meno esperti di trovare la soluzione più idonea al loro problema. Uno staff sempre attento alle novità del settore vi terrà sempre aggiornato. E allora cosa aspetti? Entra su Weareblog.it